fbpx

Igles Corelli, Gino Fabbri e Roberto Rinaldini

Sabato 22 giugno 2019 a San Patrignano
MENU
Creme Caramel di patate con guazzetto di cozze e aria di mare
Lasagnetta croccante cacio e pepe con zabaione di parmigiano-reggiano
Coppone di Mora Romagnola cotto a bassa temperatura con crema di spinaci e acciughe piccanti con morbido di ceci
MacaRAL® al cioccolato, al caramello salato e sesamo
Trancetto al cioccolato bianco e frutto della passione
Torta celebrativa di Gino Fabbri

Vini in abbinamento
Prosecco DOCG, Cantine Maschio
Erbaluce fermo DOCG, Cantina La Masera
AVI Doc Sangiovese di Romagna Superiore Riserva, San Patrignano
Albore dolce e Campo delle More, Casali Viticultori
***
Acqua Ferrarelle

Categoria:

Descrizione

Igles Corelli
Maestro indiscusso della ristorazione italiana e volto noto di Gambero Rosso Channel con il suo programma “Il gusto di Igles”, dal 2018 Igles è il nuovo Coordinatore del Comitato Scientifico di Gambero Rosso Academy.
Nato il 15 agosto 1955 ad Argenta di Ferrara, ha ottenuto 5 stelle Michelin (2 al Trigabolo, 1 alla Locanda della Tamerice, 1 Atman di Pescia, 1 Atman di Lamporecchio). E’ sua la creazione della “Cucina Circolare”.
A fine 2017 si trasferisce a Roma per l’apertura di un nuovo format di ristorazione al ristorante Mercerie, dove continua la valorizzazione dei prodotti tipici Italiani abbinati alla ricerca, alla sperimentazione e alla contaminazione con altre culture e i loro prodotti, presentando una cucina creativa, ricca di riferimenti alle tradizioni ma che non finisce mai di stupire, provocare e evolvere.

Gino Fabbri
Quella curiosità è diventata passione e poi una professione per Gino fin dall’adolescenza quando inizia a lavorare nella pasticceria del paese di origine, Castenaso, per poi aprirne una sua nel 1982 insieme alla moglie Morena. In questo nuovo percorso incontrano importanti esponenti della pasticceria italiana tra cui Iginio Massari fino a che nel 1996 Gino Fabbri entra a far parte dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, di cui ora è Presidente.
Pur essendo quasi restio ai concorsi, si concede due occasioni prestigiose: vince infatti quello per la “Torta del Giubileo del 2000”, grazie al quale ha potuto incontrare Papa Giovanni Paolo II, mentre nel 2015 guida alla vittoria della Coupe du Monde de la Patisserie a Lione la spedizione italiana composta da Emanuele Forcone, Francesco Boccia e Fabrizio Donatone.
Nel 2009 viene eletto dai suoi colleghi Pasticcere dell’anno, prestigioso riconoscimento per la sua professionalità e la costante ricerca della qualità nella produzione e per la sua capacità di diffondere le sue conoscenze senza riserve.

Roberto Rinaldini
Noto al pubblico televisivo per le numerose presenze nei più importanti format dedicati alla pasticceria, il Pastry Chef più volte campione mondiale Roberto Rinaldini fonda la sua carriera su solide basi di formazione e una continua ricerca di qualità ed eccellenza della pasticceria artigianale Made in Italy.
Roberto Rinaldini in pochi anni ha saputo creare uno stile assolutamente originale, moderno ed elegante, che si distingue per le frequenti ‘incursioni’ nel fascinoso mondo della moda. Pasticcere dell’anno durante il XX Simposio AMPI (Accademia Maestri Pasticceri Italiani) e ammesso come membro dei Relais Dessert, la prestigiosa Associazione Francese che riunisce l’élite mondiale dell’alta pasticceria e cioccolateria, Roberto si afferma come portavoce dell’eccellenza Italiana nel mondo. Nasce così Rinaldini Pastry s.p.a, progetto che abbraccia il sogno di Roberto e sviluppa una rete Retail importante che vedrà concretizzare questo progetto grazie all’apertura di numerosi punti vendita nel mondo, partendo da quello di via Santa Margherita 14 a Milano.

 


 

Un’iniziativa di

 

 

Organizzazione

 

Con il supporto di