fbpx

Massimo Spigaroli e Silvano Romani

mercoledì 17 aprile 2019 ore 20.30

Charity dinner per San Patrignano con gli chef Massimo Spigaroli, del ristorante Antica Corte Pallavicina, e Silvano e Fabio Romani, del  ristorante Romani, insieme ai ristoratori di Parma Quality Restaurants.
Il menù è un inno a Parma, capitale italiana della cultura 2020.

Categoria:

Descrizione

MENU

• Salumi di Parma – prosciutto di Parma DOP Leporati, salame spigarolino Spigaroli, spalla di San Secondo cotta Fereoli Gino e Figlio, coppa di Parma IGP Ferrari Cav. Bruno, parmigiano reggiano di Montagna 993 Caseificio di Cavola, la giardiniera di Morgan
• Il gazpacho alla parmigiana
• Lo scrigno di Parma
• La punta di vitello farcita su lasagnetta di verdure
• La focaccia a colomba di Claudio Gatti

Vini
Otello 1813 Etichetta ORO Nerodilambrusco, Cantine Ceci

AVI Sangiovese DOC di Romagna Superiore
Malvasia dolce Emilia IGT Monte Delle Vigne

 


Massimo Spigaroli
Ambasciatore della cucina italiana nel mondo, è anche conosciuto per essere “il Re del Culatello” ovvero Presidente del Consorzio del Culatello di Zibello dalla sua fondazione. Il rilancio di questo salume e l’ottenimento della Denominazione di origine protetta sono stati forse i suoi più grandi successi. Di Polesine Parmense, ha cominciato ad amare la cucina da bambino, aiutando la Zia Emilia cuoca-icona del luogo e disponendo in fila gli anolini e i tortelli come soldatini di piombo. Ha studiato all’Istituto alberghiero di Salsomaggiore e a 16 anni già iniziava ad affermarsi con piatti di sua creazione come “Il fegato in reticella alla Spigaroli”. Dopo un po’ di anni trascorsi nelle cucine di grandi alberghi è già una stella. A 22 è docente all’Alberghiero di Salsomaggiore. Parigi, Strasburgo, Madrid, Buenos Aires, Lussemburgo, Vienna, Bourg en Bresse, Monaco, Sofia, Abu-Daby, New York, Pechino, Ottawa. Tra le imprese firmate Spigaroli la collaborazione nel 2007 con il Principe Carlo d’ Inghilterra nella sua farm-tenuta in Galles dove gli è stata proposta la consulenza operativa come gastronomo e norcino.

Silvano Romani
Dal 1965 prosegue la strada tracciata dalla famiglia, dedicandosi con passione alla selezione di prodotti tipici del territorio, che si distinguessero per qualità e tradizione. Ha costruito negli anni una storia di successo, che lo ha portato ad aprire 11 punti vendita di proprietà tra Parma, Reggio Emilia e Fidenza dove da poco è nata l’ultima scommessa del Gruppo: il Km90 RistoBottega Emiliana, all’uscita del casello, sintesi del nuovo concetto, che unisce vendita e somministrazione, tradizione e innovazione.

Fabio Romani
Un cognome, una garanzia. Titolare del ristorante Romani nella quiete della campagna parmense è un locale per tutti gli appassionati di sapori genuini e prodotti tipici, capace di innovarsi, ma senza tradire il legame con il territorio. La tradizione culinaria parmigiana è un’eredità di famiglia. Una tradizione che nel tempo è stata affiancata anche da piatti innovativi, frutto di una continua ricerca sia nelle esperienze gastronomiche appartenenti alla tradizione di altre realtà culinarie italiane ed estere, sia nella ricerca sulle materie prime.

 


 

Un’iniziativa di

 

 

 

 

 

 

Partner istituzionale

 

Con il sostegno di